#food

Non chiamatelo cibo

12/5/2021

La dottrina ayurvedica si diffonde in capsule
La dottrina ayurvedica si diffonde in capsule

“E poi vivremo nello spazio e mangeremo nutripills”. Così sognavamo da piccoli. Per la casa in orbita, bisogna aspettare ancora un po’, ma il cibo tech da astronauti già ce l’abbiamo. Pasti da bere, bellezza da mangiare, sostanze nootropiche o caramelle smart: quanto possiamo nutrirci senza mangiare? Ecco le tendenze di un settore in piena crescita.

Quanto possiamo nutrirci senza mangiare?
Quanto possiamo nutrirci senza mangiare?

Pasto in bottiglia

C’era un tempo in cui frullare un intero pasto e berlo tra due allenamenti era roba da bodybuilders. Non più: sin dal suo lancio nel 2013, il mastodonte Soylent non ha visto un calo nelle vendite della sua “polvere magica”. Infatti, gli ingegneri fondatori hanno creato un mercato nuovo del pasto in bottiglia destinato a chi non ha tempo, voglia, spazio per un pranzo vero e propria. Una base di soia, ingredienti naturali, vitamine e grassi salutari, la formula evolve di continuo, i gusti variano e il brand non ha altra ambizione che “vincere contro la fame”. Mentre le compresse e le capsule tradizionali rimangono il modo più popolare per assumere nutrimenti e integratori alimentari, le bevande stanno rapidamente recuperando terreno. E per completare il vostro pranzo, masticate pure un chewing gum al caffè (va fortissimo in Cina) con veri chicchi in polvere e la giusta carica di energia. Il mercato delle “cicche nutriceutiche" vedrà una crescita annuale del 5% per 10 anni, scommette Business Wire, ma punta sempre ad ingredienti naturali e meno zucchero.

Soylent, il pasto in bottiglia per chi non ha tempo
Soylent, il pasto in bottiglia per chi non ha tempo

Ritorno alla natura

Il mercato degli integratori, trainato dagli USA, vede crescere una coscienza salutista, un ritorno a sostanze naturali e una riscoperta di piante-miracolo. Ad esempio, la dottrina ayurvedica si diffonde in capsule: approvate dalla scienza, l’ashwagandha o la rhodiola riducono lo stress e migliorano il sonno. Così i grandii brand indiani come Himalayan Herbal sono ormai presenti in ogni farmacia, in convenienti barattolini di capsule.

Persino la più nota liquirizia torna in auge. L’estratto di liquirizia deglicirrizinata, di origine naturale, mantiene sano il sistema digestivo ed è un potente antidoto al batterio H. pylori, che può causare ulcere e gastriti. Ma la vera innovazione verrà dai funghi. Oltre alle loro proprietà nutritive, apportano anche tutte le vitamine, tanti componenti bioattivi e prebiotici per il sistema immunitario.

Il mercato degli integratori, trainato dagli USA, vede crescere una coscienza salutista
Il mercato degli integratori, trainato dagli USA, vede crescere una coscienza salutista

La vera bellezza è interiore

Tantissime le sostanze naturali che migliorano la pelle degli uomini. Ma perché comprare creme se la bellezza si può mangiare? Aspettatevi che gli integratori di bellezza e cura della pelle crescano in modo significativo quest'anno. Che si tratti di un misurino di collagene in un frullato o di un pizzico di curcuma sull'insalata, trattare i problemi della pelle dall'interno verso l'esterno sarà una priorità crescente. Google Ads ha visto le ricerche per il collagene aumentare del 33% da marzo 2020 a dicembre 2020; un altro rapporto ha identificato la sostanza gelatinosa come uno dei primi tre ingredienti di integratori alimentari venduti, con circa $ 105,9 milioni di vendite negli Stati Uniti. Lo dice la scienza: una dieta ricca di peptidi di collagene, vitamina C e omega-3 è collegata a una migliore salute della pelle e a una riduzione dei segni di invecchiamento, come rughe e linee sottili. Tradizionalmente utilizzato nelle creme cosmetiche, l’acido ialuronico è ormai disponibile sotto forma di gel o capsule. È un lubrificante che mantiene i tessuti umidi e la pelle elastica, e gli integratori compensano il suo calo quando avanza l’età. Oltre alla pelle liscia, aiuta ad accelerare la guarigione delle ferite, alleviare i dolori articolari e mantenere le ossa forti e sane. Gli USA si aspettano una crescita annuale del 10% per questo prodotto!

Prendi la pillola verde, Neo

L’Europa, e l’Italia in particolare, hanno un rapporto conflittuale con la cannabis. Droga pericolosa o semplice pianta dai mille benefici? Gli USA non si fanno più la domanda e oltre alla legalizzazione del suo consumo, una miriade di prodotti derivati dalla canapa invadono il mercato. Il cannabidiolo (CBD) è presente in natura nella pianta di cannabis, ma non produce effetti psicoattivi. Può però influenzare i processi del corpo e indurre effetti sulla salute attraverso la sua interazione con il sistema endocannabinoide. In America, già il 13% dei giovani assume CBD regolarmente, per ridurre lo stress o dormire meglio. In Europa, una legislazione punitiva limita la proporzione di olio negli integratori, ma vediamo comunque pillole, contagocce o gomme da masticare conquistare il mercato. 

Droga pericolosa o semplice pianta dai mille benefici?
Droga pericolosa o semplice pianta dai mille benefici? Gli USA non si fanno più la domanda: una miriade di prodotti derivati dalla canapa invadono il mercato.

Brain power

Alimentano il cervello, aumentano il flusso sanguigno e migliorano le prestazioni delle cellule cerebrali: WholeFoods Magazine ha identificato nelle sostanze nootropiche, una tendenza da tenere d’occhio nel mondo degli integratori.

Ad esempio, Huperzine A, derivata dal muschio cinese, aumenta i livelli di acetilcolina, un neurotrasmettitore che invia segnali alle cellule di tutto il corpo. Quest’ultimo combatte i problemi associati alla demenza e alla perdita di memoria, e allevia i sintomi dell’Alzheimer. Popolari da anni, gli antiossidanti proteggono le cellule del corpo dai radicali liberi, che possono contribuire allo sviluppo di tumori e infarti. Il cumino nero sarebbe l'antiossidante di tendenza nel 2021. Oltre a migliorare la forma fisica, può anche contrastare la perdita di memoria e il declino delle capacità cognitive con l'avanzare dell'età. Anche la classica vitamina E farà il suo grande ritorno. Comprovato aiuto contro i radicali liberi, è ormai considerata come un rimedio per l’Alzheimer. Non meravigliamoci, dunque, se vedrà una crescita a due cifre nei prossimi anni!

Potrebbero Interessarti: