#tech

Salute e Hi Tech, un mercato in espansione

16/4/2021

La salute al polso
La salute al polso Gli smartwatch sono preziosi alleati che offrono molto di più che la sola rilevazione del battito cardiaco

Oltre alla semplice camminata, l’avvento del fitness portatile ha riportato l’attenzione sulla salute immediata o a lungo termine. La Big Tech non ha certo ignorato la tendenza, e l’ultimo Consumer Electronics Show di Las Vegas ha visto diverse startup lanciarsi sul segmento delle tecnologie per la salute.

Il battito (cardiaco) dell’orologio

Da semplice contapassi da polso, l’Apple Watch (ed innumerevoli challenger) è diventato una vera e propria guardia del corpo da portare con sé. Misura ormai tutti i movimenti, il battito cardiaco e i chilometri percorsi con il GPS. L’AI della Apple può anche sapere se ci laviamo le mani, pandemia oblige. Quest’anno, ogni gadget ha integrato il monitoraggio del Covid, dai sintomi alle app per il controllo della malattia (avete già la vostra mascherina LG a batteria o la vostra sciarpa filtrante?).

A prova di smog e di virus
A prova di smog e di virus LG lancia una collezione di gadget hi-tech come la mascherina smart con filtrazione attiva. © LG

Withings, con la sua ScanWatch analogica, misura l’ossigeno sanguigno, un parametro chiave dell’infezione. Il braccialetto minimal di Aktiia rileva in tempo reale la pressione sanguigna, una misura più fine della banda gonfiabile del medico. La startup Biospectal va oltre e vanta la sua app che legge la pressione direttamente dalla camera dell’iPhone! Altri brevetti recenti immaginano anche termometri, sensori per il glucosio (Samsung pensa ai diabetici) e livelli di stress tramite il sudore, un’innovazione già presente nei FitBit.

Lo smartwatch che fa tutto
Lo smartwatch che fa tutto L'ultimo Fitbit rileva lo stress, l'ossigenazione e tanti altri parametri © Fitbit

Casa, dolce (e sana) casa

Se l’internet degli oggetti ha popolato i nostri polsi con gadget, la salute passa anche dall’ambiente. È integrata all'architettura, sin dalla soglia di casa: ecco Ettie, una maniglia che rileva la temperatura corporea. In questi tempi di pandemia, la purificazione degli interni si rivela indispensabile. Così vediamo fiorire tante iniziative, come le lampadine ad UV, fatali per il virus ma innocue per le persone.

La salute passa per la casa
La salute passa per la casa Luci UV purificanti o filtri d'aria intelligenti per la casa

Se le piante verdi fanno la loro parte, un vero filtraggio dell’aria lo fa soltanto un dedicato purificatore, come quello degli Italiani di Natede. Sa misurare la quantità di particelle vaganti ed eliminarle grazie ad un filtro fotocatalitico, che potrebbe segnare la fine dell’asma, della respirazione difficile e magari del cattivo sonno. Parliamone, del sonno. Per aiutare a dormire bene, ci sono certo i podcast di rilassamento, ma Philips punta piuttosto su un insieme di tecnologie da letto, dalla lampada da risveglio dolce, alla banda anti-russo, fino al futuristico casco Deep Sleep, capace di leggere le fasi del sonno profondo e farle durare con suoni creati su misura.

Natede, la pianta doppio effetto
Natede, la pianta doppio effetto Un purificatore d’aria naturale e smart che monitora la qualità dell’aria unendo natura, tecnologia e design.

Sollievo immediato e vita cambiata

E che dire di quei piccoli fastidi di cui la nuova tecnologia fa un sol boccone? Lo stress subito dalle articolazioni durante la corsa, per dirne uno, potrebbe scomparire grazie ai wearable di Quell: i cinturini da stimolazione nervosa da indossare sulle gambe o le braccia potrebbero sostituire i pain killer – un enorme mercato potenziale sia negli Stati Uniti che in Europa.

Lexilife, con la sua lampada smart, intende migliorare la lettura per i dislessici grazie a LED lampeggianti, aggiustabili automaticamente. Tivic ClearUp si attacca alla sinusite cronica, che di solito necessita medicine pesanti e bagni di vapore, con un semplice stuzzicatore da tasca che attacca il dolore grazie a microcorrenti elettriche. Così l’ambliopia, una dissimetria comune fra i bambini, non richiede più occhiali pesanti e ridicoli: NovaSight risolve il problema con occhiali che seguono l’occhio “pigro” e lo costringono ad allinearsi sul tablet. Così il bambino corregge la sua vista mentre si diverte davanti a Netflix o Youtube!

Per i più vecchi, il vero pericolo sono le condizioni degenerative. Meglio prevenire: iSyncWave si indossa sull’occipite per monitorare i primi segni dell’Alzheimer, e ridurre la progressione della malattia grazie a luci LED pulsando attraverso il teschio. Sa di fantascienza? È solo l’inizio.

Una soluzione hi-tech contro la dislessia
Una soluzione hi-tech contro la dislessia La lampada da tavolo lampeggia con una determinata frequenza per migliorare la lettura delle persone dislessiche © Lexilife

Il futuro della salute è vicino (e proficuo)

In verità, monitorare la nostra salute personale serve anche ai grandi della Tech. Ogni possessore di Apple Watch partecipa inconsapevolmente a studi di coorte sulla salute di un’intera popolazione, i cui frutti già si possono vedere: grazie anche all’intelligenza artificiale, Apple sa determinare i segni di un attacco cardiaco, dell’ipertensione e di tante altre spie che non si vedono allo scanner. Il vero mercato non è il braccialetto, ma i dati (anonimi, però) e dopo questa fase di colletta, potremmo vedere strumenti MedTech molto più intimi. Google ha rilasciato un brevetto per la Lens, una lente a contatto capace di rilevare il glucosio sanguigno ed attivare una pompa ad insulina interna. E non parliamo dei sensori interni per il cuore, degli esoscheletri contro la paralisi, o addirittura di un pancreas bionico. La singolarità sperata dai transumanisti è vicina!

Potrebbero Interessarti: